Il libro del mese di novembre puoi trovarlo presso la Biblioteca specialistica di Domus Laetitiae a Sagliano Micca presso Palazzo Mantellero in via Roma, 182

“Nessuno può volare” di Simonetta Agnello Hornby

Questo mese proponiamo un libro che in queste settimane circola abbastanza, grazie all’iniziativa editoriale di un quotidiano nazionale. Ci offre lo sguardo della scrittrice siciliana sulla disabilità ed è uno sguardo tranquillo e affettuoso, che rifugge il sentimentalismo e i luoghi comuni perché sa stare al concreto della vita.

Simonetta Agnello Hornby nasce in una famiglia ricca e colta, “normale”, scrive lei, dove tuttavia i corpi non sono sempre intatti. Il padre amatissimo dell’autrice ha una gamba malata, come la bambinaia che è zoppa. E c’è una zia debole di mente. Un’amica sordomuta. Ciò non turba un’infanzia luminosa e aperta, dato che fa parte della vita e degli affetti.

Diverso sarà, per la Hornby, quando il figlio George, già adulto, si ammala di sclerosi multipla. Siamo a Londra, la dorata campagna siciliana è lontana, le limitazioni e i problemi che la malattia porta al primogenito sono aggravate dall’organizzazione di una metropoli. Superato lo choc che comporta una diagnosi così impegnativa, la scrittrice accetta la nuova situazione: “Pensavo a Giorgio. Anche lui avrebbe affrontato e risolto i problemi della sclerosi nel migliore dei modi – scrive. – Ma questo non mi bastava: volevo capire perché si era ammalato, perché io sarei guarita e lui no. E poi dovevo accettarlo”. Qualsiasi genitore comprende questo stato d’animo. E sa che, prima o poi, farà fronte.

Il figlio dell’autrice è sposato, ha figli, ha un lavoro, vive in un appartamento. Il libro racconta come la famiglia affronta passo dopo passo i problemi che la sclerosi pone, mentre la malattia progredisce e George deve muoversi in carrozzella. “Come noi non possiamo volare, così George non avrebbe più potuto camminare: questo non gli avrebbe impedito di godersi la vita in altri modi”. La madre aiuta il figlio a trovarli, questi altri modi. Il libro racconta cosa e come. Fra le altre cose, Simonetta Hornby porta George in Italia, in un viaggio felice che è anche un corpo a corpo con tante meraviglie e tante… barriere. Non solo architettoniche e non solo italiane.  Lo racconta con ironia lo stesso George, prendendosi una parte del libro, assai riuscito.

Collocazione: LET NAR AGNHS