Biblioteca

Il libro è uno strumento per scoprire quello che 
non avrei mai potuto vedere in me stesso ( Marcel Proust)


CENTRO DI DOCUMENTAZIONE SULLA DISABILITÀ
La Cooperativa sociale Domus Laetitiae offre un servizio di documentazione, raccolta dati e informazioni nel campo dell’educazione, della disabilità, del disagio psico-sociale e della cooperazione. Il servizio è rivolto a famiglie, insegnanti, educatori, psicologi, volontari e coloro che per studio o conoscenza personale desiderano fare delle ricerche in questi campi. E’ possibile richiedere incontri con professionisti che, tramite materiale informativo (dvd, libri, riviste), possono recarsi nelle scuole, in gruppi giovanili, in associazioni e svolgere interventi per sensibilizzare sui temi sopra menzionati.

Il servizio si articola in una biblioteca di circa 2700 volumi le cui voci in catalogo riguardano i seguenti temi:

  • Arteterapia
  • Autonomia
  • Barriere architettoniche
  • Cooperazione e terzo settore
  • Counseling
  • Esperienze personali e di gruppo
  • Famiglia
  • Gruppi
  • Informatica
  • Integrazione lavorativa
  • Integrazione scolastica teorica e pratica
  • Introduzione all’handicap
  • Legislazione
  • Letteratura italiana e straniera
  • Letteratura per ragazzi
  • Medicina
  • Politiche e servizi sociali sanitari
  • Professioni
  • Psicologia
  • Psicologia dell’età evolutiva
  • Psicomotricità
  • Riabilitazione
  • Scienze dell’educazione
  • Sessualità ed affettività
  • Sociologia
  • Sport
  • Tesi
  • Test
  • Tipologie di handicap
  • Volontariato

Sono disponibili riviste di carattere psico-pedagogico, di politica socio-sanitaria, di riabilitazione e di associazionismo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Recensione del mese di dicembre

“La strtategia dell’orso bianco”
di Moritz Huber –
Edizione Tea 2009
Collocazione: PS GEN HUBEM

Nel dicembre 2006, nello Zoo di Berlino, un’orsa bianca partorisce due cuccioli. Essa, come a volte accade in natura, non li riconosce e non se ne prende cura. Solo uno, Knut, lotta e sopravvive grazie alle instancabili cure del guardiano, guadagnando l’attenzione e l’affetto del mondo.
Lo psicologo Moritz Huber, parte da questa vicenda per suggerire ai lettori poche e chiare strategie per superare una condizione di difficoltà.
Alla base c’è un atteggiamento di Resilienza cioè, resistenza ed elasticità, che ci aiuterà a impossessarci nuovamente della nostra vita.

Le tappe sono cinque e vengono riassunte chiaramente al termine dei capitoli.
Prima fra tutte: il passato non si può cambiare. Sembrerebbe scontato, ma ci crediamo veramente? Eppure è da qui che occorre partire. La seconda ahimè, ci rammenta un’abilità tutta umana: sentirsi vittima delle circostanze e degli altri. Occorre liberarsi di questi sentimenti viceversa, le tappe successive non si potranno realizzare per ritrovare quella spinta energetica per un successo futuro. Qui mi fermo e vi lascio alla lettura del libro.

Concludendo, se l’autore utilizza la storia del cucciolo Knut è anche per dirci che l’uomo deve agire continuando a guardare alla Natura, al mondo animale perché lì c’è sempre da imparare: chi ha un animale domestico lo sa bene.