Biblioteca

libri

Il libro è uno strumento per scoprire quello che 
non avrei mai potuto vedere in me stesso ( Marcel Proust)


CENTRO DI DOCUMENTAZIONE SULLA DISABILITÀ
La Cooperativa sociale Domus Laetitiae offre un servizio di documentazione, raccolta dati e informazioni nel campo della disabilità e del disagio sociale. Il servizio è rivolto a insegnanti di sostegno, volontari, famigliari e parenti di persone con disabilità e coloro che per studio o conoscenza personale desiderano fare delle ricerche in questo campo. E’ possibile richiedere incontri con professionisti che, tramite materiale informativo (dvd, libri, riviste), possono recarsi nelle scuole, in gruppi giovanili, in associazioni e svolgere interventi per sensibilizzare sul tema della disabilità e della cooperazione sociale.

Il servizio si articola in una biblioteca di circa 2500 volumi le cui voci in catalogo riguardano i seguenti temi:

  • Arteterapia
  • Autonomia
  • Barriere architettoniche
  • Cooperazione e terzo settore
  • Counseling
  • Esperienze personali e di gruppo
  • Famiglia
  • Gruppi
  • Informatica
  • Integrazione lavorativa
  • Integrazione scolastica teorica e pratica
  • Introduzione all’handicap
  • Legislazione
  • Letteratura italiana e straniera
  • Letteratura per ragazzi
  • Medicina
  • Politiche e servizi sociali sanitari
  • Professioni
  • Psicologia
  • Psicologia dell’età evolutiva
  • Psicomotricità
  • Riabilitazione
  • Scienze dell’educazione
  • Sessualità ed affettività
  • Sociologia
  • Sport
  • Tesi
  • Test
  • Tipologie di handicap
  • Volontariato

Sono disponibili riviste di carattere psico-pedagogico, di politica socio-sanitaria, di riabilitazione e di associazionismo.

81qR3IFg0xL

Recensione del mese di luglio

“Il linguaggio nei primi 3 anni di vita”
di Michela Capobianco –
Edizioni Franco Angeli

Questo libro focalizza l’attenzione su un periodo dell’esistenza in cui non si può fare la diagnosi di “difficoltà di linguaggio”, ossia quello inferiore ai 3 anni. Tuttavia serve a rispondere a quei genitori che incominciano a preoccuparsi quando il proprio figlio, a 18 o 24 mesi, non parla.

Nel primo capitolo vengono individuate le caratteristiche dello sviluppo comunicativo-linguistico prima dei tre anni. Nel secondo la valutazione nei primi due anni con metodi indiretti, basati su interviste ai genitori e metodi diretti, fra cui è anche importante l’osservazione dei gesti comunicativi. Nel terzo l’osservazione e il potenziamento delle abilità linguistiche prima dei 3 anni, con, tra l’altro, la stimolazione degli aspetti mentali ed emotivi.

Il testo è diretto soprattutto agli specialisti.

Disponibile in biblioteca